Il Quaderno Bianco del Municipio 7

Attraverso questo libro scoprirete il  ricco patrimonio culturale, paesaggistico del Municipio 7, fatto di parchi, cascine, campi coltivati, antichi borghi e di ampi parchi che si trovano nella zona ovest di Milano.

Introduzione

E’ stato presentato durante l’ultima Giornata delle Legalità del 28 Gennaio 2023 (vedi qui il resoconto), il nuovo Quaderno Bianco “Percorsi di Giustizia e Legalità” nel Municipio 7 che è stato curato dalla Fondazione Perini e scritto dal’Architetto Maria Antonietta Breda.

Antonio Iosa ideatore d Giornata della Legalità

Cresca rigogliosa a Quarto Oggiaro – Vialba la foresta della Legalità e della Responsabilità! Dal 1960 ho visto la nascita, lo sviluppo e il riscatto di Quarto Oggiaro – Vialba, vi ho abitato, per decenni. Ho dedicato una vita intera alla testimonianza storica e culturale di questo quartiere simbolo dei mali, ma anche della capacità di riscatto urbanistico, civile e sociale della nostra Milano. Abbiamo portato la “cultura del centro storico in periferia e la cultura della periferia nel centro storico” con la capacità di favorire il dialogo e il confronto fra il popolo dei quartieri periferici e la cultura borghese dei salotti “buoni.

Antonio Iosa

Antonio Iosa ha abitato a Quarto Oggiaro – Vialba, quartire per decenni utilizzato nella cronaca nera degli organi d’informazione e delle reti televisive come quartier simbolo dei mali delle grandi aree metropolitane. Oggi non è più il “Bronx o un’isola dimenticata” degli anni ’60 -’80, ma un modello di sviluppo urbanistico del territorio, di coesione sociale, di capacità di riscatto.

Antonio Iosa, nell’ottobre 2013, dopo i funerali civili di Lea Garofalo, concepì la Giornata della legalità e il progetto itinerante che ogni anno doveva abbracciare un Municipio diverso per portare percorsi socioculturali di coinvolgimento dei cittadini, delle associazioni e degli alunni delle scuole.

Percorsi culturali educativi, formativi grazie a un insieme di eventi per favorire la diffusione della coesione sociale e della legalità: concerti musicali, incontri, laboratori, spettacoli teatrali per condividere direttamente o trasversalmente, anche in modo divertente e coinvolgente, le modalità di realizzazione della giustizia sociale, della legalità, della convivenza civile attraverso la cittadinanza attiva.

Copertina del Quaderno Bianco del Municipio7
Nella foto: la Copertina del Quaderno Bianco e la foto della Piazza centrale Muggiano dedicata a Manuela Loi (agente di scorta) e a Francesca Morvillo, moglie del Giudice Falcone, vittime di mafia

Il Progetto

Progetto della legalità che dal 2014 al 2019 ha abbracciato i Municipi 8, 6, 3, 9, 4 e 5 per poi passare al 7 nel gennaio 2020, dove la “fiaccola” si è procrastinata per 3 anni a seguito degli effetti della pandemia, fino al 28 gennaio scorso quando il progetto è passato al Municipio 2. E ogni anno, a partire dal 2015 con il Municipio 6, affianco agli eventi culturali, Antonio Iosa esaminava “ai raggi X” il territorio di ciascun Municipio attraverso il suo Quaderno Bianco, con il racconto delle tracce storiche di ogni singolo quartiere, il suo sviluppo urbanistico, i servizi, l’associazionismo, i vari problemi presenti sul territorio compresi quelli di criminalità e a ogni forma d’illegalità. Dopo la sua scomparsa e gli anni della pandemia la nuova Fondazione Carlo Perini 2.0 rinnova i propri valori e le proprie ambizioni di autentico laboratorio di una cultura di base, che mira a far emergere e valorizzare il ricco patrimonio d’idee, di esperienze e di proposte presenti nella città di Milano e nella più vasta area lombarda in un momento storico, alle soglie del 2023, che ci porta al centenario della Grande Milano, in cui diventa sempre più impellente il contatto tra cittadini e istituzioni in un auspicio di riforma del decentramento locale che faccia delle periferie le protagoniste in un’ottica di salvaguardia, di recupero delle loro radici storiche e di valorizzazione.

Il Quaderno Bianco del Municipio 7

Il nuovo Quaderno Bianco dell’architetto Maria Antonietta Breda si colloca dunque, a pieno titolo, in una nuova era della Milano post-Covid e senza Antonio Iosa, secondo un inevitabile nuovo format che svolge la sua indagine sui quartieri dell’area ovest del Municipio 7, alcuni dei quali para centrali, altri, in maggioranza, che appartengono alla fascia periferica del territorio sita oltre la circonvallazione esterna della linea 90/91, caratterizzata da parchi, cascine, campi coltivati e antichi borghi intorno ai quali sono sorti nuclei residenziali spesso disarticolati dal contesto.

La Ricerca

Le notizie raccolte nella ricerca del “Quaderno Bianco”, che conta oltre 400 pagine, testimoniano la riscoperta dell’identità storico-culturale attorno alla quale ricostruire la rigenerazione urbana e la coesione sociale nei quartieri difficili e spesso ancora caratterizzati dalla presenza della malavita. Non c’è speranza di promuovere legalità, giustizia, sicurezza e solidarietà senza stimolare il popolo e senza preservare quello che è rimasto della memoria storica dei quartieri alcuni ancora in preda al degrado urbano e sociale e a nuove forme di povertà ed emarginazione, aggravate dalla pandemia, che caratterizzano le periferie urbane delle città metropolitane.

Le periferie

Nell’espressione “periferia”, come sappiamo, oltre al significato urbanistico, ne è presente anche uno simbolico, con il quale si vuole indicare ogni forma di marginalità, non solo geografica ma, soprattutto, sociale e culturale. La nostra attenzione alla periferia, allora, non significa solo impegno a favore di una riqualificazione delle aree urbane marginali, ma anche lotta contro ogni esclusione e marginalizzazione sociale e culturale. Milano, come città europea, deve essere capace di aggregare col suo pragmatismo ambrosiano, creando un modello di sviluppo a livello nazionale ed europeo.

La città di Milano

Milano, la città più europea d’Italia, crogiolo di iniziative d’avanguardia nel trapasso alla società dell’elettronica e della tecnologia come lo fu già all’epoca della rivoluzione industriale, la metropoli dai numerosi primati in campo economico e culturale, deve saper reagire rimarginando le ferite sociali ed economiche causate dallo storico sviluppo urbanistico disordinato delle periferie che cent’anni fa erano Comuni con la propria autonomia e la propria storia.

La ricerca, nel difficile percorso che ci ha accompagnato dal 2020, amplia dunque l’orizzonte delle pubblicazioni già effettuate in anni precedenti con i “Percorsi di Legalità” in quasi cento quartieri dei Municipi 8, 6, 3, 9, 4 e 5 nel contesto di un progetto frutto del generoso concorso di cittadini e di associazioni di volontariato che operano sul territorio nel settore sociale, culturale, ricreativo e religioso a cui va il nostro ringraziamento.

Il Quaderno Bianco è stato pubblicato dalla Fondazione Carlo Perini

Per informazioni o prenotazioni del libro scrivi a  [email protected]

Logo Fondazione Carlo Perini
Segui la fondazione CarPerini sui social
facebook facebook.com/fondazionecarloperini

 instagram instagram.com/fondazionecarloperini

Vuoi sempre essere aggiornato sul Municipio 7?

 2,813 Visualizzazioni

Lascia un commento