Al momento stai visualizzando l’ex scuola Manara ha una nuova destinazione

l’ex scuola Manara ha una nuova destinazione

Finalmente l’ex Scuola Manara è ritornata a una vita nuova e ad un utilizzo sociale da parte della comunità lasciando definitamente alle spalle lo stato d’ abbandono e degrado in cui era caduta negli ultimi anni.
Questo risultato è stato raggiunto grazie al lavoro di squadra svolto dalle istituzioni, Municipio 7 e Comune, rappresentato oggi dall’Assessore Granelli, e le associazioni di volontariato e l’impegno dei cittadini di Quarto Cagnino.
La mattina del 17-12-2022 abbiamo aperto al nuova sede del Corpo Volontari Protezione Civile Milano, (CVPC Milano), accompagnati dai volontari della Croce Rosa Celeste, che ci hanno guidato e presentato le loro attività. Questa struttura sarà quindi utilizzata dalla CVPC per tutto il prossimo anno, in attesa che si completi la procedura pubblica di gara per l’assegnazione definitiva della struttura.

Era un luogo da anni abbandonato, occupato abusivamente, con tanti rifiuti e topi, degrado e insicurezza. A partire da marzo di quest’anno, abbiamo sgomberato con la Polizia Locale, abbiamo pulito con AMSA, abbiamo fatto qualche piccolo ma fondamentale intervento di messa in sicurezza con i nostri bravi tecnici comunali, abbiamo lavorato con la Protezione civile comunale e assessorato Welfare e Municipio 7 con Silvia Fossati, Roberta Lamberto, Manuel Sciurba, abbiamo coinvolto l’associazione dì Protezione civile CVPC.

Questa è la dichiarazione dell’Assessore alla sicurezza Marco Granelli, intervenuto all’apertura della nuova sede di CVPC

Una scuola storica che  è stata uno dei simboli del quartiere di Quarto Cagnino e da cui sono passati moltissimi bambini, ma era ormai chiusa da più di 10 anni cadendo in uno stato di degrado.

La “Manara” aveva avuto negli anni qualche periodo di utilizzo sociale, ospitando profughi siriani e nord africani. Il giardino è diventato per qualche tempo sede di attività ricreative, culturali, di rassegne cinematografiche e musicali. Poi purtroppo la struttura era diventata obiettivo delle occupazioni abusive, dello spaccio, dei vandalismi, con il bel parco diventato un giardino incolto e abbandonato.

La scuola, intitolata a Luciano Manara, patriota e bersagliere morto nel 1849, nella difesa della Repubblica Romana, non è un edificio qualunque, tanto è vero che soggiace al vincolo della Soprintendenza alle Belle Arti e  compare nel sito dei Beni Culturali della Regione Lombardia, con una foto dall’alto (quella in copertina, @foto-credis Regione Lombardia) che mostra bene la struttura e con un breve descrizione in cui si legge:

Configurazione strutturale: Presenta un impianto con articolazione planimetrica ad U con palestra rettangolare al centro del cortile, raccordata al corpo delle aule attraverso un porticato coperta da pensilina in struttura lignea, sorretto da pilastrini anch’essi in legno.

Ora si apre un nuovo capitolo della storia della Manara che si è definitivamente avviata a una nuova missione sociale, una storia che volge a lieto fine.

 283 Visualizzazioni

Lascia un commento