Al momento stai visualizzando Centro di Aggregazione giovanile QR52

Centro di Aggregazione giovanile QR52

Audizione Centro di Aggregazione Giovanile QR52 (Quinto Romano 52), attivo a Baggio dal 1994, attualmente gestito dai Gruppi di Volontariato Vincenziano (GVV) Milano

L’audizione è stata organizzata da Edoardo Cavaleri, presidente commissione Politiche giovanili, e dall’assessora Roberta Lamberto.

QR52


Nel quartiere di Baggio (Milano), i GVV-Milano operano da molti anni, gestendo un Centro Vincenziano in via Quinto Romano 52. Il centro è stato attrezzato per offrire servizi mirati e un luogo di accoglienza e di aiuto a tutte le persone italiane e straniere, sia residenti che non.
Durante l’audizione sono state presentate le attività e i progetti di questo Centro di aggregazione giovanili che è una realtà ben radicata nel territorio e che coinvolge ragazzi/e fino ai 18/20 anni.

Video – Presentazione QR52

Attività principali:

  • SOSTEGNO SCOLASTICO: per i ragazzi della scuola secondaria di primo e secondo grado, e vuole dare risposta al problema legato alla dispersione scolastica che riguarda soprattutto la fascia dell’obbligo e i primi anni delle scuole medie superiori.
  • LABORATORI MANUALI-CREATIVI: I laboratori sono realizzati per aiutare i ragazzi a capire le proprie attitudini, i propri interessi e per fare esperienze nuove ricche di stimoli.
  • LIBERA AGGREGAZIONE: uno spazio aperto dalle 18,00 alle 19,00 per gli adolescenti che possono liberamente proporre le attività di gioco o di laboratorio, anche invitando ragazzi non abitualmente frequentanti il CAG.
  • ATTIVITA’ SPORTIVE: Le attività proposte sono calcio, pallavolo e basket, svolte in strutture del quartiere.
  • Laboratorio sulla RADIO, in collaborazione con la webradio Shareradio.


Il Centro di Aggregazione Giovanile (CAG) QR52 lavora in rete con gli altri due CAG di zona: Forze Armate e Olmi.

Gaia Romani, Assessora ai Servizi Civici e Generali del Comune di Milano, ha già messo a disposizione alcuni fondi per realizzare progetti che vedono coinvolti i tre CAG: uscite ricreative aggregative, viaggio vacanza e laboratori sul 25 novembre – Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

In programma per quest’anno c’è anche un viaggio ad Auschwitz, che verrà preparato attraverso un percorso di approfondimento sulla Shoah, ma anche su tutte le altre forme di discriminazioni, per collegare la storia all’attualità.
Lavorano molto con ragazzi/e stranieri/e di seconda generazione, cercando di creare sempre un mix di storie, background, provenienze diverse, al fine di costruire una ricombinazione sociale, creando mescolanze positive, che favoriscono l’incontro e il superamento di pregiudizi e distanze.
C’è una stretta collaborazione con le scuole e gli insegnanti del quartiere, con le U.O.N.P.I.A. (Unità operativa di Neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza) per poter ricevere segnalazioni, necessità di supporto e accogliere nuovi ragazzi/e. Molto importante anche il passaparola fatto da chi lo frequenta. Infatti, ci sono lunghe file di attesa, poiché con le forze attuali non è possibile accogliere tutti coloro che ne fanno richiesta.

I CAG, come QR52, vengono gestiti da soggetti che partecipano ai bandi comunali biennali e spesso attingono anche a fondi del privato sociale o a donazioni private per poter svolgere il proprio lavoro. Sono un vero e proprio servizio per i giovani, in cui si cerca di colmare problemi derivanti da ambiti familiari difficili, difficoltà scolastiche e relazionali fornendo ai ragazzi un luogo dove trovare ascolto e opportunità, migliorando l’autostima e la fiducia in se stessi. Questo risulta ancora più importante in una fase contraddistinta da fenomeni di gang giovanili e da difficoltà d’inserimento sociale che si manifestano soprattutto nei quartieri di periferia.

Progetti d’intervento di riqualificazione urbana del quartiere di Baggio

Nelle immagini di seguito troverete alcuni dei progetti d’intervento di riqualificazione urbana del quartiere di Baggio proposte dai ragazzi e dalle ragazze del QR52. Sono tutte idee ben articolate, motivate e che meriterebbero di essere tutte realizzate, portano con sé una cura e un’attenzione al territorio e alle persone veramente notevoli, che fanno ben sperare per il tessuto del quartiere.

Ringrazio gli educatori e le educatrici per il prezioso e indispensabile lavoro che compiono con questi/e ragazzi e ragazze. È bello conoscere i frutti di chi ha ben saputo seminare. Bravissimi/e i ragazzi e le ragazze che presto avremo modo d’incontrare.

Simona Sforza, Conigliera del Municipio 7

“Teresa, la panchina sospesa”

Altalene sugli alberi – Parco delle Cave


 Piazza Anita Garibaldi

Player vs Player – Parco della biblioteca


 380 Visualizzazioni

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.